18/10/11

IV^ Lezione di Cucina Classica e le mie costolette di agnello

Con questa lezione sono esattamente a metà corso. Il tema della serata riguardava le carni rosse e i vari tagli. 
Vi svelo subito i piatti che abbiamo realizzato:
- bistecca al pepe verde
- costolette di agnello al timo
- costolette alla milanese
- roastbeaf al sale
- saltimbocca alla romana
- stinco di vitello arrosto
...non poco vero? Questi piatti ci hanno dato modo di parlare di argomenti fondamentali, ad esempio di come fare il fondo bruno, come legare la carne, la pulitura delle carni in vista di una buona presentazione in tavola e tante altre cose utili alla buona riuscita di un secondo piatto e all'utilizzo di tutte la parti, anche gli scarti (impiegati proprio nel fondo bruno, come vi accennavo poco fa).
Lo scorso fine settimana, ho voluto provare a rifare le costolette di agnello, ma con delle varianti poiché non ho seguito la ricetta originaria nei dettagli. Mi sono dedicata a questa carne perché la conosco poco e ho scoperto varie caratteristiche.Innanzi tutto, l'agnello è una delle carni pià diffuse al mondo e spesso viene profumata con erbe fresche o spezie. Alcuni piatti che ne dimostrano il carattere internazionale e che moltissimi conoscono sono la Moussaka (Grecia), Gigot d'Agneu (Francia), Shepherd's Pie (Gran Bretagna), Agnello al curry (India) e Tagine d'agnello (Marocco).
Io ho scelto di fare delle costolette in un modo molto semplice, ma all'acquisto sono rimasta meravigliata. Al supermercato ho trovato le costolette, ma private del loro ossicino sporgente che le rende ideali per impanature e per gustrarsele sgranocchiando. Il motivo imbarazzante della mancanza dell'osso è stato il packaging ...sono rimasta perplessa di fronte a questa scelta della grande distribuzione, è evidente che il macellaio di fiducia non disattenderà questo tipo di esigenza.
Alcune note sulla qualità della carne prima di passare alla ricetta: al momento dell'acquisto, verificate che la carne sia soda, rosea ed evitate carni scure, bagnate o molli. Ricordate che in linea generale, più rosa è la polpa e più giovane è l'agnello!

COSTOLETTE DI AGNELLO

Ingredienti per 4 persone:
8 costolette di agnello
rosmarino, poco
prezzemolo
olio evo
80 gr di burro
100 ml di vino bianco
farina, poca

Esecuzione:  togliere il grasso dai bordi della costoletta e regolare la forma con l'aiuto di un coletello ben affilato. Fare scaldare 30 gr di burro con un filo di olio evo,aggiungere le costolette, il rosmarino e spolverizzare con poca farina. Cuocere da entrambe le parti, salare e pepare e mettere da parte in luogo tiepido. Eliminare il grasso di cottura dalla padella, aggiungere il vino bianco e deglassare. Togliere dal fuoco e aggiungere i pezzetti del burro rimanente mescolando in modo che la salsa si addensi leggermente. Aggiungere un cucchiaio di prezzemolo tritato e distribuire l'intigolo sulle costicine in piatti individuali.
Share:

12 commenti

  1. che meraviglia!! devono avere un profumo delizioso..

    RispondiElimina
  2. che buone queste costolette d'agnello, le mangerei per merenda!!!
    Baci

    RispondiElimina
  3. evvai! qui c'è sempre da imparare :)))
    ciao vale!

    RispondiElimina
  4. mamma che buono! io lo adoro... :Q

    RispondiElimina
  5. Ma quante belle ricette ho scorso nel tuo post. Intanto mi segno questa per le costolette di agnello... e ora attendo per le prossime. Son già pronta per l'appunto!!

    RispondiElimina
  6. Un gran bel piatto..con una cottura difficile, almeno per me...adesso di sicuro ne so un po' di piú..Baci

    RispondiElimina
  7. mi sembrano buone!ma.....l'importante è che siano ben cotte! io non sono d'accordo con le ultime tendenze che dicono che l'agnello deve essere rosato all'interno!
    un bacio
    Marisa

    RispondiElimina
  8. Che morsi gli darei a questa buona "ciccia" ;-)

    Un bacio

    RispondiElimina
  9. Complimenti, bella ricetta, e bellissimo blog!!

    RispondiElimina
  10. Che bella vista da quassù delle tue costolette, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina

Template Created by pipdig