20/10/11

Profiteroles for Kids per MTC di Ottobre

Anche questa sfida per me è stata un'occasione per fare nuove scoperte. Non avevo mai fatto i profiterole, mi sono sempre limitata a gustarli al ristorante e mi chiedevo in effetti come facessero a comporre queste delizie gonfie di creme e ricoperte da glasse perfette. Ecco quindi arrivato il momento per tentare!
Considerando che due domeniche fa il computer di mio marito non era disponibile (visto che il piccolo despota quattrenne se ne era impossessato per giocare con Autobot e Decepticon), ne ho approfittato e ho coinvolto la mia dolce metà nella sfida. Il suo ruolo fondamentale è stato quello di lettore della ricetta di Stefania (che non riporto perché l'ho seguita alla lettera); abbiamo seguito tutte le indicazioni nei dettagli, così alla perfezione che per determinare le dosi mi sono affidata al misurino dell'antibiotico (per il latte) e al biberon (per l'acqua)...quanto sono professionale con i miei utensili da cucina!
Una volta pronti tutti gli ingredienti, ho lavorato l'impasto ma ho intravisto il fallimento perché ad un certo punto mi sembrava impazzito. L'ho versato allora nella planetaria e raffreddandosi si è ricomposto. Ricominciavo a riacquisire fiducia, quindi ho proseguito preparando la teglia imburrata e con l'aiuto della sac-à-poche ho distribuito l'impasto. Ho infornato e ho rispettato i tempi di cottura. Altro sussulto quando ho avvertito quell'odorino di abbrustolito. Mai indicazione fu così confortante come quella che spiegava l'origine dell'odore: non stavano bruciando quindi, era il burro sulla teglia! Perfetto, potevo proseguire. 
Il mio assistente a questo punto si è volatilizzato; il tempo di cottura ha determinato un calo dell'attenzione e lui...se n'è andato. Va beh...sono rimasta sola con il pensiero della farcia...
Inizialmente avevo pensato ad un ripieno di panna e fragole, ma se avessi optato per questa scelta il quattrenne non ne avrebbe assaggiato nemmeno uno (ha gusti molto semplici, forse troppo ma è ugualmente esigente). Ecco il piano B: ho fatto raffreddare questi magnifici contenitori gonfi, ho  montato 200 ml di panna con 2 cucchiai di zucchero a velo e ho inserito la panna nei profiterole con la sac-à-poche. 
Ho pensato di giocare con la glassa e di renderla divertente con una leggera spruzzata di colore. 
Ho usato 2 buste di zucchero a velo, 3 cucchiai d'acqua e qualche cucchiaio di codette di zucchero arlecchino. Ho distribuito la glassa colorata sui profiterole e li ho lasciati asciugare. Una volta solidificata la glassa...sono finiti in frettissima, quasi un peccato :)
Devo confessare che i profiterole così colorati mi piacevano tantissimo perché hanno perso quell'aspetto regale per diventare un simpatico dolce in grado di soddisfare i piccolo ospiti golosi.



Grazie a Stefania per questa ricetta, non si può sbagliare!

 Con questa ricetta partecipo alla Sfida di Ottobre di Menù Turistico!
Share:

20 commenti

  1. come sono deliziosi, con il vestitino delle feste per i compleanni :) anche i miei figli ne avrebbero fatto scorpacciate!
    brava!!
    il mio neurone dorme ancora, chissà se si sveglia entro il 28..
    bacione

    RispondiElimina
  2. credo che tutti i bimbi ne andranno matti!! che buoni.. piacciono anche ai meno bimbi.. :-))

    RispondiElimina
  3. Sono molto delicati i tuoi profitteroles, brava!

    RispondiElimina
  4. E dopo aver svelato i tuoi segreti sull'attrzzatura di cucina, non posso che essere d'accordo con il tuo piccolo...il mio invece li gradisce vuoti, senza niente, bè di dolce , nè di salato!
    Quella glassa colorata e quei confettini sono una meraviglia!
    ciao loredana

    RispondiElimina
  5. Semplice, pura, angelica panna.Con questi profiteroles avresti conquistato anche me all'istante. Anche io devo ancora farli. Penso che mi cimenterò domenica, ma sono terrorizzata. Accidenti all'MTC, perchè mi deve creare il panico? Tu sei stata bravissima, adoro quei coriandolini colorati. BAci, Pat

    RispondiElimina
  6. proprio ieri, abbiamo letto di un collarino di un ciuccio usato per tener ferma la bocchetta della tasca da pasticcere. Ora ecco arrivare misurini e biberon :-)
    lasciate che i puristi storcano il naso: io vi adoro, senza se e senza ma!
    mi associo ai complimenti di chi mi ha preceduto, anche se ho un dubbio da chiarire con gli altri giudici: disposti in questo modo, sono più bignè, che non profiteroles. La richiesta era esplicita (impilati) e non vorrei incorrere in contestazioni da parte degli altri partecipanti.
    Per ora, metto la ricetta fuori concorso: il tempo di sentire Stefania e Daniela e ti so dire, ok?
    Grazie, come sempre
    ale

    RispondiElimina
  7. Ecco, ritorno subito per ri-chiarire...ho riletto la risposta su Fb, quando avevo scritto "basta che non siano in fila"... in effetti, mi sono spiegata male. Ergo, li mettiamo in concorso- e poi sento le altre giudici
    ciao
    ale

    RispondiElimina
  8. ma davvero li hai fatti per la prima volta? sono perfetti!!!! fantastico il misurino dell'antibiotico :)))))

    RispondiElimina
  9. grazie a tutti, non credevo potessero piacervi così tanto! ma io lo so che siete anche molto molto gentili con me ;))) vero??
    @ alessandra: la storia di questa foto...a dirla tutta, prima avevo impilato i profiterol ma siccome non mi piaceva la distribuzione sull'alzata di ceramica, allora li ho ridistribuiti ravvicinati e mi piacevano di più, un puro fatto estetico:)
    ...lo dico sempre che ogni mese è un'avventura!!!!

    RispondiElimina
  10. sono davvero allegri e colorati, ci credo che hanno fatto una volata! E grazie a questo MTC sto scoprendo tante ingegnose pseudocaccavelle!

    RispondiElimina
  11. che odissea prepararli....ma comunque sono venuti bene!
    un bacio
    Marisa

    RispondiElimina
  12. Hai ragione, non si può sbagliare.....però si può tentennare!!!
    Io ho fatto l'errore di non postare subito la mia idea ed adesso ogni giorno vedo che qualcuno ha avuto intuizioni(magari le stesse) in un tempo decisamente meno biblico del mio!
    La tua interpretazione è delicata e divertente al tempo stesso, molto bello!!

    Un abbraccio,

    Fabi

    RispondiElimina
  13. Solo solo per il tuo aiutante speciale e i suoi immancabili e insostiutibili arnesi del mestiere, io ti farei vincere! :)

    RispondiElimina
  14. Molto bella la tua versione dei profiteroles!
    Un bacio!

    RispondiElimina
  15. Per essere il primo tentativo direi che sono stati un successone. Sono venuti perfetti!!

    RispondiElimina
  16. Brava Valentina.
    Sono una delizia per la vista e lo saranno stato anche per il palato.
    Adoro l'MTC perché ci fà provare sempre cose nuove.
    Abbracci

    RispondiElimina
  17. colorati e deliziosi, complimenti ; grazie per essere passata a trovarmi ,a presto !!

    RispondiElimina
  18. Mamma mia...ne addenterei uno subitissimo!! Io, che preferisco il salato, ho una voglia irrefrenabile di dolce in questo momento...

    RispondiElimina
  19. Piacere di conoscerti Valentina! Che belli questi profiteroles!! Mi piace l'idea del codette di zucchero colorate.Complimenti per il tuo blog!
    A presto,
    Aniko

    RispondiElimina

pipdig