10/11/11

Tris a base di zucca, castagne e ricotta: uno sfizio autunnale nel piatto

Questo mese gli ingredienti proposti dalla Piccola Bottega di Campagna sono la zucca e le castagne. Sono stata felicissima della scelta di Ambra, per i colori ed i sapori di questi prodotti. L'arancione e il marrone sono i colori dell'autunno, ricordano il fogliame che muta giorno dopo giorno; la luce del sole ormai bassa, sfiora le foglie che oscillano al vento e produce degli effetti cromatici bellissimi. L'autunno regala sapori avvolgenti anche nei frutti, mi vengono in mente i cachi, arancioni anche loro, che ben si prestano ad essere gustati a crudo ma anche in simpatiche verrine accompagnati da creme o mousse golose. Inoltre, uno dei tanti vantaggi del cucinare con gli ingredienti di stagione è quello economico e devo dire che con pochi euro c'è la possibilità di gustare piatti deliziosi con la zucca, ma...non con le castagne che qui a Milano le hanno vendute a peso d'oro! Chi non ha la fortuna di fare una passeggiata tra i boschi e si vuole levare lo sfizio di una caldarrosta home made, si deve immolare e sganciare 4,98 Eruo per un chiletto di castagne (nemmeno tanto grandi a quanto ho visto...).Tuttavia, per la mia ricetta non ho utilizzato le castagne (non per il loro costo, che comunque mi pare immorale), ma perché era da un po' che avevo in testa di utilizzare la farina e, in alternativa agli gnocchi, ho pensato ad una polentina combinata con altri sapori per comporre un piatto dai tre colori, arancione, marrone e bianco.
L’idea del Tris nel piatto mi è sempre piaciuta perché offre la possibilità di degustare varie preparazioni senza dovere eccedere nelle quantità. L’unico accorgimento a mio parere consiste nel bilanciare i sapori, il ché non è così facile.
Ho voluto provare ad accostare la farina di castagne alla zucca e alla ricotta. Non è stata una scelta semplice perché la polentina di castagne ha un sapore che definirei persistente, mentre i muffin alla zucca, sebbene nella versione salata, danno una nota dolce al piatto; la ricotta è l’ingrediente più delicato in assoluto tra i tre e credo che il modo più corretto per gustare il piatto sia quello di iniziare proprio con la ricotta, per proseguire con i muffin di zucca e chiudere con la polenta di castagne.  Ecco la ricetta:

Ingredienti:
PER I MUFFIN (mignon):
200 gr di farina, 1 uovo,150 ml di latte, 400 gr di zucca, lievito in polvere, 35 gr di grana grattugiato, sale, noce moscata, semi di papavero
PER LA POLENTINA:
farina di castagne, 500 ml di acqua, sale, olio evo
Ricotta
Rosmarino

Esecuzione: 
Per i Muffin versione mignon: fare bollire la zucca in una pentola a pressione sulla reticella e lasciarla raffreddare; nella planetaria oppure in una ciotola capiente, mescolare l'uovo con la farina, l'olio e il latte alternati e un pizzico di sale. Aggiungere il lievito in polvere (un cucchiaino), il formaggio grattugiato, la polpa della zucca raffreddata e frullata ed infine un po' di noce moscata. Amalgamare bene gli ingredienti fino a quando la zucca si sarà ben unita al resto del composto. Disporre negli stampini in silicone il composto (circa fino a colmare 3/4 dello stampino), mettere in forno a 180° per circa 20 minuti. Una volta sfornati i muffin, spolverizzateli con una lieve pioggia di semi di papavero.
Per la polentina di castagne: fare riscaldare l'acqua leggermente salata, unirvi un filo d'olio d'oliva, aggiungervi la farina a pioggia emesolare. Provedere la cottura mescolando per circa 15 minuti a fiamma bassa.
Per la composizione del piatto, distribuire su ogni piatto due mini muffin, la polentina e una piccola ricotta vaccina accompagnata da qualche fogliolina di rosmarino che profumerà il piatto.


Con questa ricetta partecipo al Contest di Il Gattoghiotto in collaborazione con Malvarosa Edizioni.

Note: 
- i muffin formato mignon sono più adatti di quelli grandi per una degustazione, quindi ve li consiglio;
- io ho utilizzato gli stampini di silicone dove non è necessario aggiungere burro per facilitare l'uscita dallo stampo (gran bella invenzione!);
- la cottura della polenta di castagne: a mio parere deve rimanere piuttosto morbita se volete gustarla al cucchiaio;