24/11/11

Tronchetto di Natale, i primi passi verso la cucina delle feste

Anche quest’anno la prospettiva del sopraggiungere delle feste natalizie mi riempie di gioia. Il mio bimbo si prepara per la recita scolastica (con i suoi compagni quattrenni), non mi racconta nulla di quanto stanno preparando, non è nel suo stile, ma io so, immagino e lo vedo dai disegni che fanno capolino accartocciati nella mia borsa. Tanti alberelli colorati e Babbo Natale con il suo sacco colmo di doni a volte tinto di rosso ora di verde e perché no, anche di blu. Ormai lo sapete che anche Andrea è appassionato di cucina; qualche giorno fa mentre fotografavo un piatto, si è presentato con la mia vecchia macchina digitale e ha fatto qualche scatto; tutto fiero mi ha mostrato i risultati e si è meritato i miei complimenti perché, tecnica a parte, l’occhio dimostra di averlo ;)
Nei prossimi giorni ci dedicheremo ai biscotti, proveremo a fare i nostri primi cioccolatini e tenteremo nuovi piatti da proporre per il giorno di Natale. Il mio pranzo è in linea con la tradizione per metà. I miei suoceri prepareranno i ravioli di carne da fare in brodo e questo primo piatto è davvero il massimo della tradizione perché esiste da sempre nella famiglia di mio marito; a chiudere il pranzo ci sarà senza dubbio il panettone, anche questo simbolo per eccellenza della tradizione e gastronomia milanese, vedremo in seguito con cosa accompagnarlo. L’altra metà che si discosta dalla tradizione trova espressione nelle mie proposte tra gli antipasti (tanti e di piccole porzioni) e il secondo piatto. Work in progress…vedremo cosa di convincerà di più.
Il tronchetto di Natale che vi propongo oggi, è una mia particolare versione che si discosta da quella originaria francese da cui trae ispirazione, la nota Bûche de Noël. Due sono state le ragioni per cui ho voluto tentare questo dolce. La prima è legata al modo in cui viene fatto, cioè arrotolando l’impasto e farcendolo al suo interno; la seconda invece è dovuta alla storia di questo tronchetto che nella tradizione natalizia francese riprende la forma del ceppo di legno e in effetti, nella versione originale, il rotolo viene lavorato esternamente in modo da somigliare al tronco di un albero. Il mio tronchetto è bianco, lo zucchero in granella evoca i fiocchi di neve adagiati su uno strato di cioccolato bianco, come fossero appena caduti sul tronco di un albero ricoprendolo.

Ingredienti per 6 persone:
4 uova
100 gr di zucchero
60 gr di farina 00
60 gr di fecola
100 gr di burro
150 gr di cioccolato fondente
50 ml panna
100 gr di cioccolato bianco
zucchero a granella
100 gr di zucchero a velo

Esecuzione: dividere i tuorli dagli albumi, sbattere i rossi con lo zucchero, unire la farina, la fecola e mescolare. Aggiungere al composto le chiare montate a neve e mescolare dolcemente facendo attenzione affinché le chiare non si smontino. Distribuire l’impasto su una teglia foderata con carta da forno imburrata. Livellare l’impasto con l’aiuto di una spatola e  infornare a 180° per 10 minuti. Quando toglierete la teglia dal forno verificate che l’impasto sia compatto e ancora morbido. Durante la cottura, occupatevi della farcitura. Sciogliete a bagnomaria il cioccolato fondente, a parte ammorbidite il burro con un cucchiaio di legno e unitelo al cioccolato una volta che questo si sarà raffreddato. Completate la crema con l’aggiunta di 50 ml d panna montata. Stendete l’impasto ormai cotto su un canovaccio, distribuite al suo interno la farcitura al cioccolato e arrotolate il tutto con l’aiuto del canovaccio. Ponete il rotolo su una grata e preparate la copertura. Sciogliete a bagnomaria il cioccolato bianco. Versatelo sul rotolo in modo che questo ne sia ricoperto in modo uniforme. Aggiungete lo zucchero a granella e spolverate con zucchero a velo come decorazione e mettete in frigo fino al momento di servire.
Note:
-    La cottura deve essere dolce e restituire una base compatta e morbida allo stesso tempo; una buona morbidezza permetterà di avvolgere facilmente l’impasto senza correre il rischio che questo si rompa;
-    Quando mettete la carta da forno, imburrate prima la teglia, poi adagiatevi la carta e ripassate il burro anche sulla superficie di questa. Tale procedimento può sembrare esagerato, ma il burro aiuterà a rendere più facile il distacco della pasta dalla carta e lascerà la superficie più morbida.
Share:

10 commenti

  1. che meraviglia.. morbido.. sembra neve fresca..
    complimenti!

    RispondiElimina
  2. Espectacular!! tiene un aspecto estupendo.
    Saludos

    RispondiElimina
  3. gnam... delizioso questo tronchetto, bello e buono :-)

    RispondiElimina
  4. ciao cara, Il Natale è proprio la festa dei bimbi, specialmente dell'età del tuo Andrea.
    Anche io ho pensato che nel mese di dicembre vorrei postare solo piatti natalizi.
    Non ho mai fatto i biscotti e quest'anno vorrei farne un vagone.
    Bellissimo il tuo tronchetto con lo zucchero che sembra fiocchi di neve.
    buona serata
    sabina

    RispondiElimina
  5. mmmh! :P da leccarsi i baffi!
    Ma se mi aiuto invito a casa tua?! me ne lasci un pezzetto? :)

    RispondiElimina
  6. Stupendo questo tronchetto! che bello vedere già tanti piatti natalizi!

    RispondiElimina
  7. che bello questo tronchetto e davvero lo zucchero sembra neve... che bello il Natale! baci

    RispondiElimina
  8. Ma sei avantissimo!!In questo periodo io entro in ansia...sono già indietro adesso!!!Sei grande!Bacio

    RispondiElimina
  9. Ma che bellezza!!! E chissà anche che bontà con quella cremina di cioccolato...gnam, gnam!!!
    Un abbraccio anche al piccolino di casa
    Carla

    RispondiElimina
  10. Ciao, sono qui per la prima volta, bello il tuo blog, ti seguo anch'io! E forse quest'anno faccio il tronchetto... vedro', torno in Italia per Natale e sicuramente mia madre mi chiedera' il panettone ripieno, ma il tronchetto non lo faccio da anni e me l'hai ricordato!

    Ciao
    Alessandra
    http://alessandrazecchini.blogspot.com/

    RispondiElimina

pipdig