01/11/11

VI ^ Lezione di Cucina classica e la vellutata di spinaci

Una lezione dedicata interamente agli ortaggi. Sapete cosa significa? Vuol dire essere circondati da porri, cipolle, carote, carciofi, prezzemolo, patate, pomodori, spinaci, aglio, zucchine e , ovviamente, lavare, pelare e tagliare tutto il necessario per comporre i nostri piatti! Ci siamo divertiti molto alla sesta lezione, ve l’ho già detto, ormai siamo un gruppo, abbiamo le nostre piccole abitudini che vanno dall’occupazione della solita postazione  al ricoprire ognuno il proprio ruolo ( chi pulisce, chi taglia, chi lava, chi distribuisce gli assaggi nei piatti e chi è impegnato ai fornelli). Purtroppo adesso comincio ad intravvedere la fine del corso e mi dispiace. Ci saranno ancora due lezioni, una dedicata ai dolci e l’ultima agli accostamenti e … beh, magari il prossimo anno m’iscriverò ad un altro corso  e ad essere sincera ho già qualche idea in merito ;)

I piatti che abbiamo preparato sono stati i seguenti:
- vellutata di spinaci
- crema di patate e porri
- uova alla bergamasca
- salsa olandese
- patate alla Parmentier

La vellutata di spinaci mi ha letteralmente conquistata ed è stato interessantissimo addentrarci nel mondo delle creme e minestre scoprendo i vari modi per addensare i composti. Come vi dicevo questa vellutata è speciale, lo è per il suo sapore ma ancor di più per come viene eseguita, attraverso un roux di base a cui viene unito il brodo caldo e per l’aggiunta del legante finale per darle morbidezza e ingentilire il gusto.
L’occasione per rifare questo piatto si è presentata a casa dei miei genitori. Per qualche giorno mi hanno affidato il compito di stabilire il menù ed io ho proposto qualche piatto imparato di recente. Per la vellutata di spinaci ho seguito la ricetta del manuale con qualche piccola modifica o omissione.

Ingredienti per 4 persone:

Per la salsa/roux:
25 gr di burro
25 gr di farina
250 ml di brodo
noce moscata
pepe

Per la vellutata:
1/2 l di brodo
450 gr di spinaci già cotti
1 dl di panna
3 tuorli d'uovo
30 gr di burro
parmigiano

Esecuzione: questo piatto va realizzato in tre fasi; la preparazione del roux, quella degli spinaci e infine l'unione di tuorli e panna. Partiamo dall'inizio. In un pentolino preparate il roux facendo sciogliere il burro e unendo la farina, aggiungete il brodo caldo, la noce moscata, il pepe e mescolate. Fate cuocere per qualche minuto fino a quando il tutto avrà preso una consistenza cremosa. A parte, frullate gli spinaci precedentemente cotti, e fateli rosolare in poco burro. Aggiungete il brodo agli spinaci, fate cuocere per due minuti e poi,  lontano dal fuoco, unite la salsa appena preparata mescolando bene. In una ciotola a parte,mescolate i tuorli con la panna e uniteli al composto sempre lontano dal fuoco. Fate addensare la vellutata a fuoco basso per un minuto, non di più in modo che le uova non si rapprendano. Aggiungete una spolverata di formaggio grattato e servite in tavola.

Share:

7 commenti

  1. bellisime foto *_______* a me a meeeeeeeee,
    bellissimo questo lavoro di gruppo ^_^ come tornare a scuola con le stesse dinamiche ma da adulti :)

    RispondiElimina
  2. Buona la tua vellutata, stasera si starebbe proprio bene! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  3. La vellutata di spinaci mi piace moltissimo! ciao
    baci

    RispondiElimina
  4. Ciao ti volevo invitare a partecipare al mio contest: Il dolce piu' peccaminoso!
    qui maggiori info:
    http://dolciricette.blogspot.com/2011/10/la-cucina-dei-7-peccati-il-dolce-piu.html
    C'è tempo fino al 15 di Novembre...
    Ti aspetto!!

    RispondiElimina
  5. Grazie di essere passata da me, ricambio volentieri visto che il tuo blog e' davvero interessante e curato. Anch'io preparo spesso la vellutata di spinaci, ma la tua versione e' decisamente piu' corposa e completa, la provero' presto. Buona serata, Babi

    RispondiElimina
  6. Complimenti, sia la ricetta che la presentazione sono stupende :)

    RispondiElimina
  7. ogni tanto passo a trovarti e faccio il pieno di cose buone!!! mi leggo tutte le ricette arretrate, è un vero piacere, alla prossima!

    RispondiElimina

pipdig