28/02/11

Kiwi Krisp

Eccomi con una divertente ricetta per i nostri piccoli chef! Si tratta di un dessert di frutta, forse poco light visto l'utilizzo del burro, ma senza dubbio gustoso e colorato. Questo piatto fa parte del "Menu Verde" e si prepara in un'ora.

Ingredienti:
75 gr burro
125 gr farina
60 gr zucchero
8 kiwi

Esecuzione: fai ammorbidire il butto tirandolo fuori in anticipo dal frigo.deve avere la consistenza di una crema. Mescola in una coppa burro e farina. Lavorali con le dita fino a farli diventare una polvere simile a sabbia. Accendi il forno a 200°. Pela i kiwi e tagliali a rotelle spesse 1 cm circa. Asciuga un po' le rotelle appoggiandole sulla carta da cucina.Imburra una pirofila, rivesti il fondo della pirofila con uno strato sottile di zucchero. Disponi nella pirofila le rotelle di kiwi sovrapponendole appena. Cospargile con lo zucchero rimasto.
Ricopri il tutto con uno strato uniforme di pasta sabbiosa. Metti in forno per 25'.

                                            Version fançaise

Ici, je suis avec une recette amusante pour nos petits chef! Il s'agit d'un dessert aux fruits, peut-être pas trop light à cause de l'utilisation du beurre, mais certainement savoureuse et colorée. Ce plat fait partie du"Menu Vert" et il est prêt en une heure.
  
Ingrédients:
75 grammes de beurre
125 grammes de farine
60 g de sucre
8 kiwis 
Procédure: ramollir le beurre du réfrigérateur en le sortant à l'avance, il doit avoir la consistance d'une crème. Mélanger le beurre et la farine dans un bol. Mélanger avec les doigts jusqu'à ce qu'ils deviennent un sable poudreux. Allumez le four à 200 degrés. Pelez et coupez les kiwis roues à environ 1 cm d'épaisseur. passer les kiwi avec de serviettes en papier pour éliminer du liquide des kiwi. Passer du beurre sur le fond de la casserole avec une fine couche de sucre. Disposer dans un plat les roues kiwi qui se chevauchent légèrement. Saupoudrer avec le reste du sucre. Couvrez d'une couche de pâtes et de sable. Mettez au four pendant 25 '.

24/02/11

EGGS IN SMOKING: la mia ricetta a base di uova

Buon pomeriggio!! Sono felice di pubblicare la ricetta di queste Palacinche, magari farete in tempo a provarla a merenda o a prepararla per i vostri bambini!! Le "Palacinche" sono una specialità jugoslava, somigliano alle
crêpes, ma sono molto più semplici da fare. Mia mamma me le preparava a volte alla domenica sera, quando si tornava da una giornata trascorsa in montagna e, insieme ad una tazza di latte caldo, vi assicuro che erano la giusta premessa per una notte di sonno ristoratrice. Mia mamma le faceva bene, le conosceva  perchè ogni anno a Pasqua andavamo in Jugoslavia (erano gli anni '80) e ricordo anch'io che si mangiava benissimo.
Ma veniamo a noi, ecco tutto ciò che vi serve:
Ingredienti per 4 persone:
1 uovo
1 tazza di latte
2 cucchiai di zucchero
farina
burrom
marmellata di fragole
zucchero a velo
cacao
fragole
limone

Esecuzione: rompete l'uovo in una terrina, aggiungetevi 2 cucchiaiate di zucchero e lavorate energicamente con la frusta fino a che il composto diventerà leggero e spumoso. Versate il latte lavorando con la frusta e aggiungete la farina necessaria per ottenere un impasto cremoso, morbido e filante. Ungete con poco burro una padella da crêpes , versatevi un po' del composto che deve formare sul fondo uno strato molto leggero. Realizzare la vostra palacinche e mettetela a parte a raffreddare. Procedete in questo modo fino a completo esaurimento del composto.
A parte, mondate le fragole, tagliatele e mettetele in una ciotola con dello zucchero e limone e fate riposare un'oretta.
A questo punto, avete tutto il necessario per procedere alla farcitura. Spalmate sulle palacinche della marmellata e chiudete dividendo a metà. Aggiungete le fragole fresche a parte e sulle palacinche, compreso un po' di succo zuccherato. Spolverizzate con cacao e zucchero a velo e … godetevi questa dolcezza!!


Con questa ricetta partecpo al Contest:


Promosso dal Food Blog: http://gustosamente.blogspot.com/
In collaborazione con "Scacco alle Regine": http://www.scaccoalleregine.it/

23/02/11

Radicchio trevisano sott'olio

E' da qualche settimana che tengo da parte la ricetta del radicchio sott'olio. Mi piace molto il radicchio, nell'antipasto, nei primi piatti e come contorno. Io utilizzo i sott'olio come antipasto e devo dire che rimangono leggeri, il che non guasta ad inizio pasto...così poi si può gustare con più piacere il resto del pasto.
Ecco il necessario per due vasetti tipo Bormioli di grandezza media:

Ingredienti:
300 grammi di radicchio di Treviso
olio extra vergine
aceto di vino rosso
 zucchero
4 foglie di alloro
bacche di ginepro
 pepe nero in grani
sale grosso

Esecuzione:scaldate dell'acqua (circa un litro e mezzo) ,versatevi l'aceto 250 ml, 1 cucchiaio di sale grosso e due di zucchero. Quando l'acqua bollirà, immergetevi il radicchio precedentemente lavato e tagliato per la sua lunghezza in vari spicchi. Se vi fa piacere potete conservare il cuore integro in modo da ritrovarlo nel piatto. Lasciate bollire qualche minuto,non troppo perché il radicchio deve rimanere piuttosto croccante. Scolatelo e fatelo raffreddare. 
Ora preparate i vasetti: mettete sul fondo un velo di olio e iniziate a distribuite a strati il radicchio intervallando con le bacche di ginepro, il pepe, alloro, olio fino ad esaurimento del radicchio. Colmate la superficie con l'olio e mettete in frigo.  E così è pronto il vostro prossimo antipasto. 
Avrei voluto postare prima la ricetta per permettervi di godere appieno di questo meraviglioso radicchio, ma cedo che ce n'è ancora e di buona qualità al supermercato quindi...mi sento meno in colpa.
Nota di redazione: abbiate pazienza se vi propongo sempre delle dosi "mignon", ma in effetti mi piace basarmi sulla mia vera esperienza e cucinando per due + 1/2 (bambino "treenne"), potete capire che le dosi non possono essere quelle classiche di 4-6 persone. Beh, se la matematica non è un'opinione ( o un problema) allora potete facilmente moltiplicare et volià, n'est-ce pas?


Buon pomeriggio!! 

22/02/11

I love Krubby Patty

Chi di voi non conosce e/o subisce il cartone animato Spongebob?? Beh, se siete tra i fortunati conoscitori,care mamme e cari papà, non potete non sapere cosa si un Krubby Patty...ma forse non ne conoscete nel dettaglio gli ingredienti, per non parlare poi del Krubby Patty Deluxe!! Bene, non pensate che io abbia visto la puntata che svela la mitica ricetta segreta (sì, l'ho vista ma non ho preso appunti) e nemmeno dovete pensare che abbia fatto uno zoom sul mitico panino scorporando l'immagine...no,nulla di tutto ciò. Se è vero che il contenuto di questo panino è facilmente intuibile, è altrettanto vero che basta fare un salto in Wikipedia (ebbene si, c'è anche questo) e cercare Krubby Patty...Propongo questo panino per la simpatia che porta con sè, per la sua familiarità con voi e con i nostri bambini e perchè mi sembra che ben si adatti in un pic nic, magari in una di quelle aree attrezzate dove possiamo cucinarci con calma il nostro hamburger. 
Bene, adesso vi elenco gli ingredienti della formula standard, per le faricture extra credo sarà sufficiente raddoppiare gli ingredienti o inventarvi qualcosa che più vi piace:
panini morbidi con semi di sesamo, hamburger, sottiletta di formaggio americano,cetriolini sott'aceto, cipolla,pomodori, lattuga, ketchup,senape.
L'ordine di farcitura degli ingredienti (Krubby Patty Deluxe)è stato rivelato nell'episodio Tutta colpa dei sottaceti, ma ve lo risparmio in quanto io ho fatto così: 
divido a metà il panino, su una metà spalmo il ketchup e sull'altra la senape. Sulla metà con la senape, metto il pomodoro a fette, la sottiletta, i cetriolini, la cipolla, la lattutga, l'hamburger e chiudo con la fetta con il ketchup. Vi consiglio di fissare il panino con uno stuzzacadenti altrimenti l'allegra composizione potrebbe oscillare e...aprirsi. Cucinate bene la carne in modo che esca tutto il suo liquido, salatela poco perchè gli altri ingredienti sono molto saporiti. 
Per la cronaca, vi sfido a dare da mangiare ai vostri bambini un panino come questo, quindi forse per il loro pancino sarebbe meglio togliere la cipolla e i sott'aceti e scegliere la senape più dolce, che ne pensate?


Con questa ricetta partecipo al Contest:


21/02/11

Tagliatelle al cacao con arance e cannella

Avete visto che il mio blog ha cambiato colori? Si è vestito di primavera, in attesa di quella vera, e ha assunto in colori che più mi piacciono con un po' di lucentezza che non guasta mai. Ma, a parte questo, vi propongo questa ricetta delle tagliatelle fatte in casa, un accostamento tra cacao e arancia con un sottofondo di cannella. Spero piaccia anche a voi e ...non ultimo, con questa ricetta partecipo a due Contest: "Frutta in pentola" e "La banda declina "arancio" e tu ci stai?".

Ingredienti:
pasta per 3 persone 
farina 150 gr
uova 2
cacao 20 gr
sale

Per il sugo:
 2 arance
 burro
cannella
 vino bianco

Esecuzione: per la pasta: setacciate la farina con il cacao, disponeteli sulla spianatoia e aggiungete le due uova, un pizzico di sale e lavorate il tutto fino a quando non otterrete un impasto omogeneo. Ricoprite con la pellicola e mettete in frigo per mezz'ora.
Ora prendete la pasta e dividetela in parti uguali, se preferite potete fare le tagliatelle utilizzando il mattarello e il coltello, io ho utilizzato la classica macchina della nonna per fare la pasta, la mitica Imperia. Mettete a parte le vostre tagliatelle e lasciatele asciugare un po'. Per il sugo, spremete due arance e filtrate il succo. Prendete la buccia di un'arancia, tagliatela a striscioline e sbollentatela in acqua bollente per 10 '. Scolate le striscioline e mettetele a parte.
Mettete a bollire l'acqua per cuocervi la pasta, salatela come d'abitudine e tenete presente che la pasta farà presto a cuocere, visto che l'avete appena fatta.
Intanto, in una pentola capiente, mettete una noce di burro, accendete il fuoco dolce e fate sciogliere il burro. Aggiungete il succo di arancia filtrato, due cucchiai di vino bianco e lasciate evaporare per 1 '. Spolverizzate con la cannella e aggiungete le scorzette di arancia.
Versate la pasta nella pentola,amalgamate con il condimento e servite in tavola.



Con questa ricetta partecipo a questi Contest:

18/02/11

Schiacciatine di porro e zafferano

A dire il vero la ricetta che vi propongo somiglia molto a un soufflé, in realtà ho chiamato queste creaturine schiacciatine perchè mi piaceva utilizzare gli stampi delle crostatine ed ottenere un impasto basso ma soffice. 
Il porro fa da protagonista, rallegrato da una nota color giallo regalata dallo zafferano. Spero possa accompagnarvi in questa giornata di sole...almeno qui a Milano ...:-)
Ecco la ricetta:
Ingredienti:
porro 200 gr
burro 40gr
latte 200 ml
parmigiano 50 gr
 farina 40 gr
pane grattato
 zafferano 0,125 gr
 uova 2
 noce moscata
 olio di oliva extravergine

Esecuzione: tagliate il porro a rondelle e lavatelo bene sotto l'acqua. Mettete un cucchiaio di olio in una pentola, scaldatelo e passatevi velocemente il porro. Mescolate,salate e lasciate cucinare per 5'. Togliete dal fuoco e mettete a parte. Preparate la besciamella con il burro, la farina, il latte e salate leggermente. Aggiungete della noce moscata e a questo punto incorporate il porro. A fuoco spento, aggiungete il parmigiano e le uova. Mescolate e iniziate a preparare gli stampi. Imburrateli, distribuitevi sulla base il pane grattato e versate il composto in ogni stampino. Mettete in forno a 180°per 20'. 

Con questa ricetta partecipo a:


16/02/11

Orzo ai profumi con mazzancolle e lardo

 Una nuova proposta, questa volta tutta profumata di vere erbe aromatiche:timo, rosmarino, alloro e aneto.
Ingredienti per due persone:
orzo perlato 140 gr
lardo di Colonnata 50 gr
olio extra vergine di oliva
timo
rosmarino
alloro 1 foglia
aneto
brodo vegetale circa 1 litro
sale
Esecuzione: per prima cosa occupatevi dell'orzo. Pesatelo, sciacquatelo e lasciatelo immerso nell'acqua per due ore. Trascorso questo tempo, scolatelo e risciacquate nuovamente. Prendete una pentola capiente, mettete un filo d'olio e aggiungete due fettine di lardo tagliate a pezzettini piccoli. Fate riscaldare a fuoco dolce in modo che il lardo rilasci il suo sapore, ma non si deve abbrustolire.
Ora aggiungete l'orzo,mescolate e salate leggermente. Aggiungete il rosmarino, timo e aneto che avrete precedentemente frullato finemente e versate un primo mestolo di brodo. Mescolate e aggiungete una foglia intera di alloro che toglierete solo a fine cottura. Fate cuocere per circa 20' versando il brodo necessario. Attenzione a non allungare troppo, altrimenti diventa una minestra :-)
Una volta cotto il vostro orzo, non resta che aggiungervi le mazzancolle che faranno da contrasto con il lardo. Prendete uno stuzzicadenti, infilate intervallando una mazzancolle e un pezzettino di lardo e arricchite con le erbe aromatiche. Et voilà!
Spero vi piaccia!! Io ho superato la prova marito che, quando si tratta di contrasti (vedi lardo vs mazzancolle) non è così magnanimo!






Con questa ricetta partecipo al Contest: Le erbe aromatiche


15/02/11

12 menus pour petits chefs di Corinne Albaut: Uova alle perle rosa - Oeufs à perles roses

Ed ecco la prima ricetta del libro di cui vi parlavo tempo addietro. Per inziare ho scelto queste divertenti uova con le uova di lompo che le colorano di rosso. Nel libro vengono consigliate come bruch (Brunch per dormiglioni) e...non so cosa darei per avere il mio bimbo più grande in cucina che mi prepara queste cosine da mangiucchiare pigramente alla domenica mattina....non so voi... ma io sono di natura una pigrona....
Ecco la ricetta e ...in questa pagina troverete sempre la versione francese in onore della scrittrice del libro.

Ingredienti:
4 uova
1 tubo di maionese
1 vasetto di uova di lompo
mezzo limone
prezzemolo
Esecuzione: Immergere le uova in una pentola d'acqua fredda. Quando l'acqua bolle lasciale cuocere ancora per 10 minuti.
Raffredda le uova mettendole sotto l'acqua dal rubinetto. Sgusciale e tagliale a metà per il lungo.
Togli i rossi con un cucchiaino e mettili in una scodella.
Schiacciali con una forchetta. Aggiungi la stessa quantità di maionese e il succo di mezzo limone. Mesola bene. Rimetti il composto nei bianchi d'uovo formando dei mucchietti che liscerai con il cucchiaio. Copri i mucchietti con le uova di lompo. Guarnisci con un ciuffo di prezzemolo.
Preparazione: 30 minuti



Version française

Et voici la première  recette du livre dont je vous ai parlé il ya quelque temps. Pour commencer,j'ai choisi ces  oeufs amusants avec des œufs de lump oeufs qui donnent du rouge. Le livre les recommande pour le brunch (brunch pour les lève-tard) et. .. je ne sais pas ce que je donnerais pour avoir un jour mon  bébé dans la cuisine qui me prépare  ces petites choses à grignoter paresseusement le dimanche matin .... Je ne sais pas vous ... mais je suis une sorte de paresseuse ....


Voici la recette ... et cette page vous trouverez toujours la version française en l'honneur de l'écrivain du livre.

Ingrédients:
4 oeufs,
1 tube de mayonnaise,
un pot d'œufs de lompe,
un demi-citron,
le persil
Procédure: Placer les oeufs dans une casserole d'eau froide. Lorsque l'eau bout laisser cuire pendant 10 minutes.
Réfroidir les œufs en les mettant sous l'eau du robinet. Ecorchez et coupez-les en deux sur la longueur.
Retirer les jaunes avec une cuillère et mettez-les dans un bol.
Écraser avec une fourchette. Ajouter la même quantité de mayonnaise et le jus de citron. Mélangez bien. Mettre le mélange dans les blancs d'oeufs en formant des piles à lisser avec une cuillère. Couvrir le tas avec des oeufs de lompe. Décorer avec un brin de persil.
Préparation: 30 minutes


 


Regalo questa ricetta colorata e un abbraccio alle  mamme e bambini, del reparto di neuro-fisiologia della Fondazione Santa Lucia.  E un saluto speciale a Caris con la sua inziativa che ci avvicina tutte/tutti!!


12 menus pour petits chefs di Corinne Albaut - Presentazione

Oggi ho avuto un felice incontro con questo libro di Corinne Albaut.
Si tratta di un libro di ricette per bambini, ricco di colori, adatto per le varie occasioni (Pasqua, Natale, il brunch, il picnic, davanti alla TV...). E' un libro fatto di immagini, concepito per i bambini che amano "mettere la mani in pasta". 
Con la sua semplicità mi ha conquistata  subito e, mentre ero in metro rientrando a casa, non ho saputo resistere alla tentazione di sfogliarlo. 
Ecco allora la mia idea: ogni  tanto pubblicherò qualche ricettina tatta da questo libro con l'intento di regalare un po' di fantasia e immaginazione che possano colorare le nostre giornate. Spero possa piacere anche a voi. 
Intanto lascio i riferimenti per chi avesse il piacere di sapere qualcosa di più su questo testo.
Titolo: 12 Menù per piccoli Cuochi
Autore: Corinne Albaut
Illustrazioni di Aurélie Guillerey
Edito da MOTTAJunior

14/02/11

Gnocchi speziati con fagioli e pancetta

 La formula magica per la mia ricetta dedicata alle spezie,consiste nell'introdurre il curry nell'impasto degli gnocchi, quelli classici di patate. Come si sa, il curry è un insieme di spezie ed io ho scelto la combinazione mediamente piccante completa di tutti i suoi profumi (coriandolo, fieno greco, curcuma, cumino, sale, aglio, cipolla, farina di riso, senape, cannella, chiodi di garofano, zenzero,paprica, pepe, peperoncino,finocchio). Ecco la ricetta per tre persone:
Ingredienti per gli gnocchi:
patate 600 gr
farina 300 gr
1 uovo
1 cucchiaio di curry
Ingredienti per il condimento:
70 gr pancetta
120 gr fagioli cannellini
cipolla
sale
pepe
olio extra vergine di oliva

Esecuzione: fate bollire le patate, raffreddatele e schiacciatele con lo schiaccia patate depositandole su una spianatoia. Aggiungete l'uovo e la farina e il cucchiaio di currry. Impastate fino a quando non avrete ottenuto un composto omogeneo e compatto. (Credo che resterete inebriati anche voi quando impastando sentirete salire il profumo del curry, non mi era mai successo impastando di sentire l'aroma intenso delle spezie) . Procedente come d'abitudine e tagliate gli gnocchi nella dimensione che preferite. Teneteli a parte e iniziate a preparare il condimento. L'idea è di avere un piatto abbastanza “rustico”, quindi vi consiglio di tagliare a mano i pezzi di pancetta e per quanto riguarda i fagioli, potete prendere quelli già bolliti come ho fatto io oppure decongelarli e cucinarli (in questo caso vi dovete organizzare dalla sera precedente :-). Ponete una noce di burro in una pentola, mettete ad abbrustolire la pancetta e mettetela da parte al caldo. Fate rosolare adesso della cipolla con poco burro, insaporitevi i fagioli, salate e pepate.
Ora non vi resta che cucinare gli gnocchi. Metteteli in un piatto, versatevi due cucchiai di fagioli, aggiungete la pancetta tiepida croccante, condite con un filo d'olio di oliva extra vergine. Mescolate bene e il piatto è pronto!!


Con questa ricetta partecipo al Contest:


10/02/11

Crema di Marroni al Grand Marnier

Allora...ho fatto il test ed esco 23...e quindi? E quindi sono speziata e mi merito una bella ricetta alcolica..ci mancava solo l'alcolico!! Eccola qui:
Ingredienti per tre persone:
300 gr di marroni
70 gr zucchero grezzo di canna
30 gr cacao amaro
30 grammi di cioccolato alla nocciola tagliato a scagliette
200 ml panna fresca
200 ml latte
cannella
Grand Marnier

Esecuzione: cuocete i marroni nell'acqua per circa 15', sbucciateli e spezzettateli. Metteteli in una pentola con il latte, lo zucchero, la cannella e cucinate a fuoco lento per circa 30'. Togliete i marroni dal latte dove hanno bollito, aggiungete il cacao in polvere e una spruzzata di Gran Marnier. Dovrete ottenere un composto uniforme e se preferite, potete frullare i marroni così da ottenere una crema omogenea. Unite alla purea la panna fresca e mettete in frigo a raffreddare per mezz'ora. Decorate con panna montata e scaglie di cioccolato alla nocciola.

Con questa ricetta partecipo al Contest: Di che segno gastronomico sei?


09/02/11

Zucca in agrodolce

Lo dico sempre di adorare la zucca, in tutti i suoi impieghi, anche decorativi. Oggi la propongo in agrodolce, se volete potete sterilizzarla (si conserva per 6 mesi) altrimenti la dovete tenere in frigo e utilizzarla in pochi giorni. A me piace accompagnarla negli antipasti oppure come contorno per colorare il piatto. Ecco qui la ricetta:
Ingredienti:
per la macerazione:
1 kg di zucca
aceto di vino 150 ml
acqua 150 ml
per lo sciroppo:
150 gr zucchero
200 ml aceto di vino
200 ml di acqua
2 chiodi di garofano
5 gr di pepe nero
1 peperoncino fresco
2 foglie di alloro

Esecuzione: pulite la zucca e tagliatela a pezzettini regolari. Mettetela in un contenitore con l'acqua e l'aceto e lasciatela macerare una notte intera.
Il giorno dopo, scolate la zucca e mettetela a parte. Ora, preparate lo sciroppo: portate ad ebollizione l'acqua, l'aceto, lo zucchero, i chiodi di garofano, l'alloro e il peperoncino. Cuocete la zucca in questo sciroppo fino a quando la zucca diventerà cotta ma non troppo morbida. A questo punto, mettete la zucca nei vasetti e continuate a cucinare a parte lo sciroppo fino a quando si addenserà. Aggiungete lo sciroppo nei vasetti fino a coprire la zucca e ...una vota intiepidita, servite in tavola. Darà un pizzico di colore al vostro tavolo!

08/02/11

Arance con cappuccio di ricotta e cannella

L'idea di preparare le arance e di mangiarle anche con la buccia, insomma, almeno all'inizio mi lasciava perplessa. Poi ho voluto provare e segiuendo piccoli trucchi per eliminare l'amaro e cuocendo in modo adeguato le arance ho scoperto che è possibile gustarsi  il frutto pienamente...mi direte cosa ne pensate..
Ingredienti per 4 persone: 
2 arance non trattate
succo di altre 2 arance
250 gr zucchero semolato
essenza di vaniglia
200 gr ricotta
cannella
70 gr zucchero a velo
Esecuzione: lavare bene le 2 arance, dividerle a metà e bucherellare la scorza. Mettere a bollire le arance nell'acqua per 5 minuti, poi scolarle e ribollirle per altre due volte in modo che la buccia perda il suo gusto amaro. Fatto questo prendete una padella larga dove potete adagiare le arance con la polpa rivolta verso l'alto. Mettete nella pentola il succo delle arance che avrete precedentemente spremuto, sciogliete piano piano lo zucchero a fuoco basso e aggiungete qualche goccia di vaniglia. Quando si sarà sciolto lo zucchero, aggiungete le arance, fate cucinare sempre dolcemente per circa 50' avendo cura di mettere sopra alla pentola della carta argentata bucherellata. Controllate sempre lo stato del succo che non deve mai bruciare. Lasciate raffreddare e preparate la decorazione con la ricotta: mettete la ricotta in una ciotola, aggiungete lo zucchero a velo e mescolate bene. Disponete una metà di un'arancia su un piattino, versatevi il suo succo caramellato e infine decorate con un cappuccio di ricotta zuccherata spolverata di cannella.
Con questa ricetta partecipo al Contest: Gli agrumi

Strozzapreti su vellutata di carote e uova di lompo

Questa ricettina nasce da un mélange di ricordi romani e quindi  si lega molto con un periodo felicissimo trascorso a Roma spesso a cena in ristoranti da sogno nel quartiere di Borgo Pio. Ho cercato di riordinare i pensieri e ho pensato ad un piatto diverso da quello che mangiammo ormai 13 anni fa, spero possa piacere anche a voi.
Eccolo qui:
Ingredienti per due: 
140 gr. strozzapreti
uova di lompo rosse
140 gr carote
brodo vegetale
2 cucchiai di panna fresca
Parmigiano
sale
pepe
olio
erba cipollina
Esecuzione:
per la vellutata di carote: lavate le carote, tagliatele a fettine sottili e mettetele in una pentola e versatevi del brodo vegetale fino a livello, cioè fino a coprirle. Salate leggermente e fate lessare le carote. Quando saranno diventate morbide, togliete la pentola dal fuoco, passatele nel mini pimer, salate nuovamente se necessario e spolverizzate con del pepe nero e a questo punto, rimettete a cuocere a fuoco lento. Aggiungete due cucchiai di panna e fate addensare, infine aggiungete due cucchiai di parmigiano e lasciate intiepidire.
per le uova di lompo: mettete in una tazza 4 cucchiaini da tè di uova di lompo, aggiungete un filo d'olio e dell'erba cipollina e mescolate bene.
Adesso tutti gli ingredienti sono pronti, dovete solo cuocere la pasta e impiattare. Sul fondo del piatto depositate la vellutata di carote, versatevi la pasta e infine decorate con le uova condite con olio ed erba cipollina.

07/02/11

Biscottini al Matcha compagni di fine pasto

 E chi lo dice che per preparare l'intero menù devo proprio partire dall'antipasto, io inizio dalla fine e soprattutto da quello che al momento mi convince e mi piace di più. Quindi, propongo questi simpatici e delicati biscottini al Matcha per accompagnare il caffè e due chiacchiere di fine serata. Solo di recente ho conosciuto questo prezioso tè e devo dire che mi piace tantissimo. Alcuni dicono che dopo un po' stanca, ancora non lo so, per me è ancora una simpatica novità.
Ecco allora come fare per circa 60 biscotti, la quantità dipende ovviamente dai vostri stampini, io ne ho usati di piccoli, quindi ne sono venuti molti (felice sorpresa!!).
Ingredienti: 
200 gr farina 00
70 gr zucchero
150 gr burro
2 cucchiaini di polvere di Matcha
Esecuzione: in una ciotola versare la farina e mescolarla al Matcha, a parte mescolare lo zucchero al burro e infine creare un impasto omogeneo da mettere in frigo per una mezz'ora. Non scoraggiatevi se non si amalgamano subito gli ingredienti, perseverate perché lavorando l'impasto il burro si riscalderà ammorbidendosi e quindi raccoglierà tutta la farina. 
 Prendete il vostro impasto e lavoratelo sulla spianatoia. Io suddivido la pasta in parti uguali e poi inizio a stenderla con il mattarello con l'aiuto della pellicola, in modo che l'impasto non si attacchi al legno e così non devo nemmeno aggiungere altra farina. Bene, ora munitevi degli stampini e mettete i biscotti sulla vostra teglia da forno (preriscaldato a 180°) e spolverizzateli con un po' di zucchero. Infornate i biscotti per circa 10 minuti. La cottura dipende dallo spessore. Consiglio di controllare a 5' di cottura. Io ho fatto cuocere per 5 ' e poi ho lasciato nel forno spento per altri 2 minuti. Dipende dallo stampo!!
Buon caffè!!

03/02/11

Marmellate di Arance e di Kiwi

Non so quante volte avrò visto fare la marmellata in famiglia, di tutte le fogge anche di patate dolci e di pomodori verdi che mi sembravano così estrose quando ero bambina ed ora invece mi sembrano delle vere leccornie!! Avrei voluto seguire pedissequamente le regole della mamma ma...ho voluto fare di testa mia e devo dire che i risultati sono stati molto buoni.
Gli ingredienti che troverete e la procedura sono identici per i due frutti, elencherò nel dettaglio la marmellata di arance per spendere due parole in più sulla buccia. 
Ingredienti: 
 1 kg arance/kiwi
500 gr zucchero semolato
vaniglia
Grand Marnier
Esecuzione: chi ama il sapore amaro della buccia delle arance, tagli le arance senza sbucciarle, chi invece non gradisce questo retrogusto tolga allora la buccia e tagli le arance ben pulite. Ridurre a tocchetti le arance, metterle in una pentola capiente, coprile con dell'acqua fino a ché le arance siano completamente sommerse, mettere a cuocere. Dopo 10 ' di cottura dalla bollitura, aggiungere mescolando lo zucchero e lasciare cucinare per circa un'ora, mescolate sovente per essere certi che la marmellata non si attacchi al fondo e per evitare che spumeggi uscendo dalla pentola (...succede...). Spegnere la fiamma e lasciare riposare tutta la notte. Riprendere la marmellata, riportarla a bollore e aggiungere 4 cucchiai di Grand Marnier e 4 gocce di vaniglia. Verificare che la marmellata abbia la giusta consistenza,spegnere e lasciare intiepidire. A questo punto, la marmellata può essere sterilizzata oppure conservata in frigo per qualche giorno, se ben sigillata. 

Due parole ulteriori: spesso trovo sui libri, anche quelli che mi sembrano bellissimi per le foto e semplicità di spiegazioni, un utilizzo scontato della pectina industriale. Bene, io non l'ho affatto utilizzata e queste due marmellate hanno avuto da sole l'effetto gelatina dato dal loro zucchero naturale. Giusto uno spunto di riflessione...

01/02/11

Dessert con ganache e arance

Trovo che la combinazione tra cioccolato e arancia sia veramente felice . Qualche giorno fa ho preparato una marmellata di arance e mi è venuto in mente di tentare questo dessert. Ho pensato che fosse scenografico disporre a strati gli ingredienti in un bicchiere trasparente, ma vanno bene anche le coppette. Nel caso in cui optiate per fare come me, abbiate pazienza e la mano ferma nel disporre gli strati per non sporcare le pareti del bicchiere e per non mescolarli tra loro. E' ovvio che questo dessert sarà il mio cavallo di battaglia a S.Valentino!

Ingredienti per 4 persone: 
250 ml panna dolce
80 gr cioccolato fondente
80 gr di biscotti secchi
5 cucchiai marmellata di arance
Esecuzione:
per la ganache: scaldate la panna e toglietela dal fuco prima che vada in ebollizione. A parte, spezzettate il cioccolato e poi unitevi la panna. Mescolate in modo che il cioccolato si sciolga e si amalgami alla panna e lasciate raffreddare. A questo punti, munitevi della vostra fedele frusta e montate il composto per qualche minuto, fino a quando acquisterà un aspetto cremoso. Frullate adesso i biscotti e preparate la marmellata, si passa alla preparazione del vostro bicchierino chic. Primo strato di ganache, secondo strato di biscotti,terzo strato di marmellata di arance, quarto strato di ganache e un fiocchetto decorativo di marmellata e voilà!! E' sicuramente semplice, come dicevo prima, bisogna solo fare attenzione nella decorazione.
Questo è il primo Contest in assoluto a cui partecipo!! Evviva e grazie!!