19/09/12

Clafoutis di fichi viola e la ricetta sbagliata

Sono giorni di attesa, in tutti i sensi, è proprio il caso di dirlo. Le notti non passano più, specialmente quando verso mattina un piede spinge verso la bocca dello stomaco e caparbio mi costringe ad arrendermi e ad andare in pellegrinaggio per casa. Ma di caparbio non c'è solo quel piedino, ci sono pure io che nonostante la mia mole, mi ostino ad accompagnare Andrea a scuola tutti i giorni - con agio eh, comodamente verso le 9-9.30 - per poi potere fare un giro a caccia di qualcosa di buono al mercato del lunedì o del giovedì. E infatti, ho ragione a tenere duro e ad attaccarmi a queste piccole cose della quotidianità perché mi fanno un gran bene allo spirito. Lenta come una lumaca, mi aggiro tra i banchi del pesce, della frutta e della verdura...con questo ritmo ho tutto il tempo per riempirmi gli occhi di granseole, polipi, canocchie, cozze per poi cambiare genere e arrivare ai violacei fichi, alle maturissime pesche e all'uva che ostinatamente richiamano la mia attenzione. Arrivo a casa con un ricco bottino - neanche a dubitarne vero? - e faccio il punto della situazione. Ovvio che un fugace e rustico prosciutto e fichi non me lo leva nessuno, ma non basta no, ci vuole quel qualcosa di dolce per il dopo cena...
Ed ecco che arriva l'illuminazione, ma è ovvio, il clafotto - per dirla alla Allan Bay ;)

Vista l'esigua quantità che ho preparato e per fare onore al realismo che sempre deve regnare in cucina (pena buttare via tutto per colpa di una ricetta davvero sbagliata!), le dosi che vi do questa volta non sono a grammi ma a cucchiaiate...embè, normale no? E poi, sempre a onor del vero, la ricetta è sbagliata doppiamente perché se io fossi stata precisa e antipatica quanto basta, avrei intitolato il post Flognarde di fichi viola, senza scomodare il nostro amatissimo Clafoutis...ma alla fine il mio dolcetto non ne avrebbe tratto alcun giovamento credo;) Insomma, il Clafoutis dovrebbe essere solo l'originale, quello con le ciliegie, mentre per ogni altro impiego dell'impasto con frutti diversi dalle ciliegie si dovrebbe parlare di Flognarde ma io... sono certa che ci capiamo subito quando menzioniamo il clafoutis e così accumulo errori su errori in questa ricetta, vedete? :)))

Per i dettagli vi rimando QUI, nella rubrica di Malvarosa dove troverete appunto le cucchiaiate necessarie per deliziare il vostro e l'altrui palato con pochi e rapidi gesti...queste sì che sono soddisfazioni ;-)