19/09/12

Clafoutis di fichi viola e la ricetta sbagliata

Sono giorni di attesa, in tutti i sensi, è proprio il caso di dirlo. Le notti non passano più, specialmente quando verso mattina un piede spinge verso la bocca dello stomaco e caparbio mi costringe ad arrendermi e ad andare in pellegrinaggio per casa. Ma di caparbio non c'è solo quel piedino, ci sono pure io che nonostante la mia mole, mi ostino ad accompagnare Andrea a scuola tutti i giorni - con agio eh, comodamente verso le 9-9.30 - per poi potere fare un giro a caccia di qualcosa di buono al mercato del lunedì o del giovedì. E infatti, ho ragione a tenere duro e ad attaccarmi a queste piccole cose della quotidianità perché mi fanno un gran bene allo spirito. Lenta come una lumaca, mi aggiro tra i banchi del pesce, della frutta e della verdura...con questo ritmo ho tutto il tempo per riempirmi gli occhi di granseole, polipi, canocchie, cozze per poi cambiare genere e arrivare ai violacei fichi, alle maturissime pesche e all'uva che ostinatamente richiamano la mia attenzione. Arrivo a casa con un ricco bottino - neanche a dubitarne vero? - e faccio il punto della situazione. Ovvio che un fugace e rustico prosciutto e fichi non me lo leva nessuno, ma non basta no, ci vuole quel qualcosa di dolce per il dopo cena...
Ed ecco che arriva l'illuminazione, ma è ovvio, il clafotto - per dirla alla Allan Bay ;)

Vista l'esigua quantità che ho preparato e per fare onore al realismo che sempre deve regnare in cucina (pena buttare via tutto per colpa di una ricetta davvero sbagliata!), le dosi che vi do questa volta non sono a grammi ma a cucchiaiate...embè, normale no? E poi, sempre a onor del vero, la ricetta è sbagliata doppiamente perché se io fossi stata precisa e antipatica quanto basta, avrei intitolato il post Flognarde di fichi viola, senza scomodare il nostro amatissimo Clafoutis...ma alla fine il mio dolcetto non ne avrebbe tratto alcun giovamento credo;) Insomma, il Clafoutis dovrebbe essere solo l'originale, quello con le ciliegie, mentre per ogni altro impiego dell'impasto con frutti diversi dalle ciliegie si dovrebbe parlare di Flognarde ma io... sono certa che ci capiamo subito quando menzioniamo il clafoutis e così accumulo errori su errori in questa ricetta, vedete? :)))

Per i dettagli vi rimando QUI, nella rubrica di Malvarosa dove troverete appunto le cucchiaiate necessarie per deliziare il vostro e l'altrui palato con pochi e rapidi gesti...queste sì che sono soddisfazioni ;-)



Share:

10 commenti

  1. cara Valentina, tieni duro! :) e goditi davvero questa meravigliosa maternità. le piccole cose quotidiane sono certa che ti aiuteranno ad arrivare alla fine, così come questo fantastico flognarde! ;) un bacino, sere

    RispondiElimina
  2. Dopo e per un po' di tempo potrai dedicarti meno alla cucina perciò godi di questo momento! Bellissimo questo claf.... Ehm flognarde! Tanti in bocca al lupo!

    RispondiElimina
  3. Valentina, tieni botta, quel piedino tra un po' esce e tu lo potrai mordicchiare con ammmmore! E' bello sapere che qualcuno come me si rilassa fra i banchi del mercato: ultimamente quando faccio la spese anche al supermercato mi prendo il mio tempo, leggo tutte le etichette, confronto, penso e pondero perché odio buttare via e di questi tempi non si può proprio.... via, coraggio, tra un po' arriva il ragazzo nuovo!
    Bello il clafoutis di fichi viola.... ho un fico viola in giardino con gli ultimi fichi penzolanti: sarà una combinazione? ciao cara, buona vita!
    Sandra

    RispondiElimina
  4. non posso che essere d'accordo, goditi ogni attimo di lenta calma permessa che poi... vedrai che corse!!! Il tuo flognard... ops, clafoutis, è davvero delizioso

    RispondiElimina
  5. Sono d'accordo anche io :-)

    Rilassati passegiando fra i banchi del marcato, goditi ogni attimo e di tanto in tanto un pezzetto di questo deliziosi clafoutis!

    Quanto mi piace il tuo blog :-)

    Un'abbraccio,
    Gina

    RispondiElimina
  6. dai che manca poco, porta pazienza, il tuo clafoutis invoglia proprio all'assaggio! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  7. Errori o no questa ricetta è speciale. Aspettare talvolta è davvero stancante, ma quando sai che qualcuno di meraviglioso sta bussando alla "pancia", bhe penso che anche le giornate che passano lente acquistino un sapore dolce. In bocca al lupo!

    RispondiElimina
  8. Grazie ragazze, grazie per i vostri commenti e per i vostri incoraggiamenti!
    ciaoooooooo

    RispondiElimina
  9. Ma come vorrei vederti in giro per il mercato con il tuo pancione sorridente e consapevole, mentre scegli con calma e sicurezza. Ti invidio Vale, di quell'invidia che arricchisce e rende buoni perché nasce dall'affetto. Vi abbraccio e ti lascio se hai voglia di sbirciare il link del mio secondo pensiero in viola
    http://arbanelladibasilico.blogspot.it/2012/09/olanda-e-pensierino-in-viola.html

    RispondiElimina
  10. Eh eh eh i francesi sono precisini, puntigliosi guai a cambiare il nome alle loro invenzioni, ma poi ogn'uno fa come gli pare ed é giusto cosi', la base del clafoutis é adattabile a tutta la frutta ma dov'é che hai sbagliato? non mi pare che tu l'abbia fatto comunque riposati quel piedino tra qualche giorno sgambetterà in aria e immagino quanti bacini gli darai.

    Grazie del tuo affetto ti abbraccio con il mio di cuore:-)

    ps: non capisco perché non riesco a commentare sul tuo blog con l'accaunt di wp.....ma fa niente ;-)

    RispondiElimina

pipdig