17/10/12

Croque-monsieur...cucina francese express

Queste giornate d'inizio autunno sono un po' strambe...mi ritrovo a correre dalla mattina alla sera, tra un latte, un pannolino e un grembiulino che non vuole essere indossato. Qualche capriccio e qualche pianto, la pioggia torrenziale e il vento che mi fa bagnare tutta dalla testa ai piedi. Non ho ancora avuto il tempo di fare il cambio armadio...non ho nemmeno idea se riuscirò mai a farlo quest'anno e a dirla tutta forse non ne ho nemmeno tanta voglia. Oggi a sorpresa è tornato il sole, fa quasi caldo e pensare che io ero pronta ad indossare un maglione di lana con tanto di cappuccio e alamari. Non so nemmeno bene quello che stia accadendo in giro per il mondo a dire il vero. I miei tempi sono scanditi dalle necessità della nanetta e alla fine l'ultima cosa di cui ho bisogno è di sentire il telegiornale con tutte le sue amenità, ma forse forse ci sto pure guadagnando. Oggi poi sono partiti anche i riscaldamenti e figurati se non c'era qualcosa che non funzionava...Ed ecco il tecnico fare la sua annuale comparsa sulla soglia di casa, munito di tenaglie e ... dei soliti consigli. Sono quei consigli che ascolti, sì li ascolti tutti gli anni e ormai sai come comportarti qualora i termosifoni fossero pieni d'aria e con l'acqua fredda ma poi chissà perché le cose si aggiustano solo e sempre solo se il tecnico si materializza...ok...paghiamo anche questa uscita, tanto serviva...

Ma in mezzo a tutto questo marasma, io non demordo e quando arriva l'ora di pranzo non posso né saltare né mangiucchiare come se fossi in autogrill. 
Quindi, ecco un croque-monsieur venirmi in soccorso! Bello, caldo, avvolgente, saporito e tanto tanto francese.  Bastano pochi ingredienti per preparare la versione classica, quella con le fette imburrate e la farcitura a base di Gruyère e prosciutto cotto...tutto sta nell'avere l'idea e l'ispirazione per farlo, come sempre d'altronde.
Se volete leggere qualcosa di più su questo splendido toast tout à fait français, cliccate QUI e approderete nella Rubrica "Paris dans l'assiette" di Malvarosa. Vi aspetto!