20/09/14

Riso pilaf ai frutti rossi, profumi e robiola - MTC 09/2014


Questo mese si torna a giocare! Ormai da tanto, troppo tempo non riesco più a ritagliarmi lo spazio per cucinare giocando. Ma adesso, con questa sfida, voglio riprendere le buone abitudini.Ho continuato seguire le sfide dell'MTC, sempre più appassionanti e poi, poi è arrivato il turno (nuovamente, brava lei!) di Annalena autrice di Acquaviva scorre.

Il mio battesimo all'MTC era proprio avvenuto con lei e con il suo Kaki-Age, e oggi eccola di nuovo con un nuovo tema: le cotture del riso.  
Felice io che adoro il riso e felici i miei ospiti che hanno potuto assaporare un riso pilaf profumato e avvolgente.

Si tratta di un riso ricco di profumi: cardamomo, cannella e garofano fanno la loro parte. I frutti rossi regalano dolcezza e si confondono con la morbidezza del formaggio tiepido. Ma ora basta raccontare, provate anche voi e mi direte se la descrzione si sposa con il risultato.


Riso pilaf ai frutti rossi, profumi e robiola

preparazione: 20 minuti
cottura: 10 minuti

Ingredienti per due persone:
200 g di riso basmati, 400 g di acqua, 60 g di burro, 80 g di cipolla bianca, uno spicchio d'aglio, 50 g di frutti rossi misti secchi, 10 g di pinoli, 10 g di mandorle spellate, 4 g di zafferano, 3 grani di cardamomo, 2 chiodi di garofano, una stecca di cannella, 4 g di peperoncino in polvere, sale, pepe, 100 g di Robiola regginella delle Langhe, un filo d'olio extravergine di oliva

In una padella capiente da forno, fai sciogliere il burro e fai stufare a fuoco medio la cipolla e l'aglio tritati finemente. Aggiungi i frutti rossi (non serve metterli a bagno prima dell'utilizzo) e falli saltare leggermente in padella. Unisci i chiodi di garofano, il cardamomo, la cannella e il peperoncino. Mescola tutto in modo che tutti i sapori si amalgamino insieme e, a questo punto, aggiungi il riso. Rimescola bene e versa l'acqua calda che avrai scaldato a parte e dove avrai aggiunto lo zafferano. Il tuo riso si colorerà di giallo e sprigionerà un profumo delicato e intenso. Riporta a bollore,coperchia la padella e metti in forno a 180° per 10 minuti. 
Il riso risulterà perfettamente asciutto e sgranato, il liquido completamente assorbito. 
Rimuovi il cardamomo, la cannella e i chiodi di garofano. Regola di sale e di pepe. Aggiungi i pinoli e le mandorle e lascia riposare un paio di minuti con il coperchio. 
Nel mentre, taglia qualche fettina di robiola. Distribuisci il riso nei piatti o nelle coppette. Completa aggiungendo il formaggio e passa il piatto nel micro qualche secondo, quel tanto che basta per ammorbidire il formaggio. Un velocissimo giro d'olio extravergine di oliva e via, pronto in tavola.



Con tantissimo piacere, con questa ricetta partecipo a:


Share:

7 commenti

  1. Wow Valentina.... scorro gli ingredienti e..... li sento legarsi, tutti, armoniosamente. Questo piatto mi piace un sacco ^_^

    RispondiElimina
  2. Ricco, colorato, allegro..... un bel piatto, da assaporare in compagnia con un bel equilibrio!

    RispondiElimina
  3. ho seguito tutto annuendo, compiaciuta per la coerenza con tecniche ed aromi di impostazione indiana... e quando è arrivata la robiola ho spalancato gli occhi ed è uscito un "ohhh" di sorpresa! Bella pensata, tutto ilpiatto è molto divertente, originale e certamente personale

    RispondiElimina
  4. Ciao. Bentornata all'Mtc Valentina! E lo hai fatto alla grande con un piatto profumatissimo. Mi ci tufferei sopra anche in questo momento ... fantastico spuntino di mezzanotte!
    Il tocco italiano della robiola poi è azzeccatissimo. e ingolosisce ancora di più. Brava. Buona domenica. A presto.

    RispondiElimina
  5. Eccezionale! Un tripudio di sapori e spezie sapientemente miscelati, e il tocco acidulo della robiola che fa da piacevole contrasto.
    Che dire? Bentornata!!! :-)

    RispondiElimina
  6. ci mancavano,la tua eleganza, la tua delicatezza, la tua classe. E concordo con Annalena: ci hai preso per mano, in un crescendo di sapore e di stupore e l'ohhh di meraviglia è solo una piccola espressione per la meraviglia di questa ricetta e la gioia per riaverti con noi! Grazie, ma non sai quanto!

    RispondiElimina
  7. Merci, merci! Per il vostro passaggio innanzi tutto e per le vostre parole. Un abbraccio a voi!

    RispondiElimina

pipdig