30/10/14

A Tavola - 11/2014: sapori di famiglia


Un mese dedicato al confort food con una declinazione particolare. Confort come affetto, ricordi, convivialità, famiglia e tante faccine di bimbine piccole che oggi, ormai donne, si raccontano.

I piatti che si susseguono questo mese appartengono a diverse storie, a diverse regioni ed epoche più o meno lontane.Ogni autore è riuscito a raccontare un po' di questi preziosi scampoli di vita attravreso immagini, racconti e, certamente, il cibo.

Al cibo, lo sappiamo, si legano ricordi, sensazioni, profumi che fin da bambini entrano a far parte della nostra storia. Prima o poi, in un modo o nell'altro, l'immagine di una nonna o una mamma oppure di un nonno o un papà tornerà alla mente portando con sè forse un po' di nostalgia. 
 
Eccomi qui, accanto ad alcuni dei piatti della mia infanzia. Mia mamma mi ha sempre detto che il giorno dopo allo scatto di questa foto, mi caddero gli incisivi...e meno male che abbiamo fatto questa foto allora!


Buona lettura e grazie a tutte le compagne di viaggio che hanno reso possibile questo numero speciale!
Share:

19/10/14

Lasagne al sugo d'anatra e porcini - MTC 10/2014


Le domeniche d'autunno hanno il loro bel perché, non c'è niente da fare.
Anche questa mattina è trascorsa pigramente tra una colazione a base di latte e cacao accompagnata da una montagna di biscotti con stampigliato un bel sorrisino di zucchero - per loro - e per me un caffè doppio con lettura di giornale.
Il tempo di riordinare i capelli, un velo di crema, indosso i miei vestiti comodi da casa e inizio. Recupero le farine, le uova, i canovacci, i funghi secchi e la cucina comincia a vivere. A farmi compagnia il suono basso della radio e fuori, i rumori della città che inizia piano piano a risvegliarsi.
Preparare le lasagne per il pranzo della domenica mi piace, mi mette in un'ottima predisposizione d'animo. Un piatto completo, importante per le attenzioni che porta con sé e per tutta la manualità che richiede. Un piatto decisamente autunnale che profuma di funghi a partire dalle sue sfoglie di pasta. 
Tempo fa mia mamma mi aveva regalato un barattolo contenente polvere di porcini* e finalmente è arrivato il momento di utilizzarlo. Basta frullare finemente dei funghi secchi e chiudere ermeticamente il vasetto, lo potrete conservare a lungo nella vostra dispensa e al momento giusto vi sarà utilissimo. Idee? Nel risotto certamente, ma anche in vellutate o primi piatti a base di pasta. Insomma, un valido alleato da tenere in cucina. 
Ho pensato di preparare una pasta unendo due farine, la 00 e quella di grano saraceno e ho aggiunto la polvere di porcini. Impastando si leva quel profumo intenso di bosco che stuzzica sì l'appetito ma che soprattutto ti fa ricordare la stagione autunnale. 
Lievi raggi di sole filtrano oltre la foschia mattutina, in casa le voci dei bimbi si fanno più sonanti. Sono in piena attività anche loro.

La ricetta:
per la pasta: 100 g di farina 00, 90 g di farina di grano saraceno, 8 g di polvere di porcini essiccati*, 2 uova
per la besciamella: 1/2 litro di latte, 50 g di burro (io di malga), 50 g di farina, un cucchiaino di noce moscata, sale, pepe
per il sugo d'anatra: 400 g di petto d'anatra privato della pelle, 2 cucchiai di passata di pomodoro, 30 g di cipolla tritata, una foglia di alloro, due spicchi d'aglio, qualche rametto di timo, 100 ml di vino bianco secco, olio extra vergine di oliva, sale, pepe, 20 g di funghi porcini secchi
per completare: una generosa manciata di gherigli di noci, 120 g di formaggio tenero di malga, quattro cucchiai di grana grattugiato 

per la pasta:
unisci le due farine, la polvere di porcini e le due uova. Impasta fino a quando non otterrai un panetto liscio e compatto. Lascialo riposare per mezz'ora.
Riprendi la pasta e tirala con il mattarello in modo da ottenere una sfoglia sottile. Ricava dei rettangoli uguali (io 10 x 15 cm). Fai cuocere la pasta in acqua bollente leggermente salata, raffreddala in acqua fredda e lasciala scolare sul canovaccio. 


Per il sugo:

Prima di tutto, prepara la carne per farla marinare. Taglia a piccoli tocchetti il petto d'anatra e mettilo in un contenitore. Versaci il vino, aggiungi l'aglio tagliato grossolanamente, la foglia di alloro sbriciolata, sale, pepe e mescola bene. Copri con la pellicola e metti in frigo per due ore.

Fai dorare in padella la cipolla con un filo d'olio. Unisci  la carne sgocciolata lasciando da parte per il momento la marinata e fai cuocere a fuoco medio. Versa la marinata tenuta a parte, aggiungi il pomodoro, i funghi che avrai fatto rinvenire  in acqua (e con più risciacqui)  un po' di timo e regola di sale e di pepe. Fai cuocere per 30 minuti a fuoco medio.
Lascia riposare dieci minuti e frulla il sugo nel mixer, una frullatina grossolana giusto per ottenere una base più omogenea.



Per la besciamella:
fai fondere il burro, aggiungi la farina e ottieni un roux omogeneo. Aggiungi, lontano dal fuoco,  il latte caldo, mescola e rimetti sul fuco per circa 10 minuti aggiungendo un po' di sale e pepe. Tieni la besciamella morbida.


Imburra una teglia da forno e distribuici un primo strato di pasta. Versa qualche cucchiaio di besciamella, aggiungi il formaggio a tocchetti e poi il sugo. Prosegui alternando le sfoglie, besciamella, sugo e formaggio fino all'esaurimento degli ingredienti. 
Sull'ultimo strato, quello superficiale, aggiungi qualche fiocco di burro, il grana grattugiato e una grattatina di pepe fresco.
Metti in forno a 180° per circa 30 minuti. Servi la lasagna dopo averla lasciata riposare dieci minuti con l'aggiunta di gherigli di noce.




E poi arriva lei. Si arrampica sulla sedia, ancora in pigiama e si impossessa di farina,  cucchiaio, mattarello e di quello che resta dell'impasto.

Ristendiamo insieme la pasta e tagliuzziamo qualche straccetto irregolare. Anche lei deve avere le sue soddisfazioni :=)
Ed ecco il suo piatto:





E ora, prepariamoci per una serata con amici. Un modo perfetto per concludere il fine settimana!

con questa ricetta partecipo alla sfida MTC del mese di Ottobre:

Share:

15/10/14

Chips di patate viola


Viola, ecco il suo colore. La patata viola ha un colore bellissimo ed in cucina ha il suo fascino, non c'è niente da fare.  E' un prodotto di fine estate e lo si trova facilmente sul mercato in queste settimane. Io se non lo trovo nella grande distribuzione, ne faccio richiesta al mio verduraio di fiducia il quale, facendo riferimento ai suoi mercati, me le recupera. Idem per il rabarbaro, qui da noi non facilissimo da reperire.


La patata viola è simile alle altre patate. A parte il colore che la rende davvero originale , è perfetta per dare allegria ai piatti e divertente per un aperitivo croccante come questo con le chips di patate.
Unico consiglio: usate dei guanti sottili in lattice se affettate le patate a mano non volete tingere le dita. Per il resto, libera fantasia con puré, gnocchi, vellutate etc...

Chips di patate viola
pela le patate, lavale, asciugale e affettale sottilmente. Scalda l'olio e friggi un po' alla volta le patate. Fai attenzione perché non si brucino, quindi girale velocemente. Falle sgocciolare su carta assorbente, un pizzico di sale e l'aperitivo in viola è pronto!


Share:

13/10/14

Ceci al pomodoro


Il mood autunnale continua anzi, a dire il vero, è appena iniziato. Tanti, tantissimi sono i piatti autunnali che danno soddisfazione e questo è uno di quelli.

Semplicità e sostanza sono le basi di questa padellata di ceci. Ceci e pomodoro, più semplice di così non si può. Versatilissimi ceci, io li adoro. Frullati a mo' di hummus, in insalata, allungati in una tiepida zuppa con un giro d'olio fresco - e magari pure una grattatina di pepe nero - e poi così, in padella.
Io li ho proposti come contorno, ma sono perfetti anche come primo piatto ad esempio come condimento per una pasta per i bimbi.


Ceci al pomodoro

220 g di ceci già lessati, 30 g di cipolla bianca, uno spicchio d'aglio, olio extra vergine di oliva, un cucchiaio di zucchero, 3 cucchiai di polpa di pomodoro a tocchetti, un bicchiere di brodo vegetale, sale e pepe

Fai scaldare in padella un filo d'olio e fai imbiondire la cipolla tritata grossolanamente con l'aglio e aggiungi lo zucchero in modo che si caramelli leggermente. Versa i ceci, aggiungi un pizzico di sale e un po' di pepe. Aggiungi il pomodoro, il brodo vegetale e metti il coperchio. Fai cuocere per circa 15 minuti a fuoco basso.
A cottura ultimata, lascia riposare per 5 minuti e servi in tavola con del pane affettato.



Share:

12/10/14

Fettuccine con champignon


Domenica: tempo di relax, di ritmi lenti e di buon cibo. Questa è la mia visione di questa giornata in cui  - una volta alla settimana - in casa possiamo dire di essere tutti presenti.
A partire dal momento della colazione, i gesti e le abitudini di susseguono con lentezza come a prolungare ogni istante per gustarlo al massimo e, forse, per portare un po' di queste belle sensazioni al lunedì mattina. 
I miei due caffè, uno appena alzata e l'altro a metà mattina mentre in cucina inizio a preparare il pranzo, i cartoni animati - che restano accesi ore ed ore facendo da sottofondo ai giochi dei bimbi - la lettura del giornale on line e poi, naturalmente, il buon cibo. Ecco la mia domenica tipo.


In questo inizio autunno, il desiderio di portare in tavola gli ingredienti di stagione è davvero irresistibile. 
Il massimo per me è lasciarmi alle spalle la città per qualche ora per concedermi una passeggiata nei boschi con i bambini. La scorsa settimana siamo andati a cercare le castagne - senza troppa fortuna per essere sincera - e c'era anche qualche fungo ma...non certo da raccogliere. 
Quando penso ai funghi mi vengono subito in mente le mie Dolomiti sul finire dell'estate. Dopo la pioggia, mio zio parte e va in esplorazione. Sa dove cercare, si gode il fresco ed il silenzio del bosco e torna a casa con dei veri splendori. Il profumo di terra e foglie che proviene da quei funghi  non è nemmeno intuibile nei funghi acquistati al supermercato. Tuttavia, si sa, in certi casi bisogna arrendersi di fronte alla realtà e optare per soluzioni alternative.


Ed eccoli qui, champignon!
Una porzione di pasta all'uovo con un morbido condimento a base di champignon e panna: un piatto stagionale, rustico e senza età...il mio autunno a Milano è fatto anche di questi sapori. 



Fettuccine con champignon

Ingredienti per condire 250 g di fettuccine all'uovo: 
300 g di champignon, 2 spicchi d'aglio, olio extra vergine d'oliva, 70 g di pancetta a tocchetti, 30 g di cipolla bianca, 200 ml di panna liquida, un cucchiaio di prezzemolo tritato, sale e pepe

In una padella fai imbiondire la cipolla e l'aglio con un filo d'olio. Aggiungi la pancetta , mescola bene e lascia che la pancetta prenda un colore dorato. Unisci in padella i  funghi, il prezzemolo,  regola di sale e di pepe e fai cuocere per 10 minuti. Versa la panna e lascia che il sugo si restringa. 
Elimina i due spicchi d'aglio. Condisci la pasta che avrai bollito a parte in acqua leggermente salata con il condimento di panna e funghi. 


Buona domenica!

Share:

06/10/14

Pollo con albicocche e Aceto Balsamico Tradizionale di Modena

Qualche tempo fa ho ricevuto una mail che è stata una piacevolissima sorpresa. Un'amica conosciuta in occasione di un viaggio in Trentino - alla scoperta di agritur, del favoloso mondo delle mele, di valli e di vitigni - mi contatta e mi propone di preparare una ricetta con l'Aceto Balsamico Tradizionale di Modena.
Grazie Giovy per avermi pensata! 

L'occasione è l'evento La Bonissima, il Festival del gusto modenese che si terrà nei giorni 17, 18 e 19 ottobre a Modena (per maggiori informazioni, sbirciate QUI per la pagina FB).
Direttamente dal Consorzio di Tutela dell'Aceto Balsamico Tradizionale di Modena, il prezioso aceto diventa protagonista in questa ricetta dai sapori agrodolci.
La carne di pollo si presta ad un gioco di sapori fatto dalla combinazione di profumi quali salvia e rosmarino, la morbidezza della birra, la dolcezza delle albicocche e la finale aggiunta dell'aceto balsamico.


Pollo con albicocche e Aceto Balsamico Tradizionale di Modena

Ingredienti per 4 persone: 1 kg di sovracosce di pollo senza pelle, un filo d'olio extra vergine di oliva, sale, pepe, 4-5 figlie di salvia, un rametto di rosmarino, 200 ml di birra bionda, 1 cucchiaio di pancetta tagliata a dadini, 150 g di albicocche semi secche, 3 cucchiai di aceto balsamico di Modena

Distribuisci sulla carne il sale e il pepe con le mani. Fai rosolare in entrambe i lati le sovracosce nell'olio con il rosmarino e la salvia. Sfuma con la birra e lascia che questa si riduca, copri con il coperchio e fai cuocere a fuoco medio per 30 minuti. 
Trasferisci il pollo in un piatto, coprilo e lascialo in luogo tiepido. Aggiungi al fondo di cottura, direttamente nella padella, la pancetta e le albicocche. Fai cuocere 5 minuti con il coperchio. Rimetti il pollo nella padella, versa l'aceto balsamico, mescola in modo che la carne raccolga tutti i sapori e lascia riposare per 10 minuti.

Share:
Template Created by pipdig