16/08/17

Ricordi anni '80 & Lasagne di zucchine


In queste giornate di mare, fatte di creme solari, asciugamani bagnati e capelli annodati dal sale, i pensieri volano verso le riflessioni più disparate. 

Un esempio tra tanti: oggetti del nostro passato che sono transitati nelle nostre vite come meteore.
Dove sono finiti i walkman e le cassette? Io a casa ne ho uno, gelosamente custodito addirittura nel comodino in camera - nemmeno fosse un gioiello - ma senza cassette. Quelle devono essere finite in uno scatolone dopo un paio di traslochi. 

E la radio cuffia? Pieni anni 80! Me ne aveva regalate un paio mio papà, ma quella volta sono stata sfortunata. Un suo amico le ha volute provare e indovina, le ha rotte. Certo, non erano della sua misura...Mi piacevano, alla faccia del wireless e della sua eleganza. Ora a ritrovarle sarebbero super vintage, anche se devo ammettere che rimetterle in auge ritrovandole nelle proprie cianfrusaglie ha tutto un altro fascino. 

E la bicicletta con il motore? Il Velomosquito Garelli, ve lo ricordate? Un giorno mio papà è arrivato a casa anche con quello, rosso. Sulle prime ho provato una vergogna indicibile. Non ci potevo credere. Già avevamo delle auto d'epoca con le quali mi accompagnava a scuola, il velomosquito mi pareva davvero troppo. Ma poi...ho cominciato a trovarlo simpatico. Non ci sono mai andata in giro. Quando mio papà mi ha spiegato che bisognava indossare il casco per via del motore, ho subito desistito. Adesso questa meraviglia giace in officina, immagino coperta da un telo. I miei figli potranno guardarla ammirati e stupefatti un giorno.

Cos'altro mi è venuto in mente in questi giorni...Il telefono duplex che mette in comunicazione i due piani a casa dei miei. Una vera comodità un tempo e un reperto storico oggi. 

Devo ammettere di essere molto affezionata agli anni 80, ancora oggi li considero una delle epoche migliori. E a Natale, quando siamo tutti a casa in vacanza e a riprova del nostro essere profondamente vintage, ci facciamo delle sane partite a Pacman :=) 
Nel mio museo dei ricordi anni 80 ci sono anche: i rullini foto, le diapositive, i gettoni, le cabine telefoniche, i Poples, Bim Bum Bam, Happy Days, Cioè...e mi fermo. 

Ma come facciamo in effetti senza le serate con il telecomando in mano, telo bianco disteso e le diapo delle vacanze degli amici?  Quelle due ore passate in penombra, con il clic clic e il commento su quella spiaggia, quel costume, tal Tizio e le teste tagliate malgrado i migliori sorrisi? 
Come facciamo senza quei telefilm per la famiglia che facevano sorridere e regalavano senso di casa e unione? Oggi abbiamo ritmi e necessità differenti da quegli anni, abbiamo bisogno di soddisfare tutte le nostre esigenze prima di tutto e di essere digitalmente presenti. Ma non solo. Resta il bisogno secondo me di conservare la propria dimensione che non necessariamente è quella del passato, ma che comunque proviene anche da lì. La nostra sensibilità, il nostro mondo interiore più vero, più intimo. La nostra capacità di emozionarci riconoscendo suoni, sapori e colori che ci riportano alla nostra giovinezza e ci fanno sentire bene e benvoluti. 


Il bello delle vacanze è anche questo. Lasciarsi andare ai ricordi, condividerli con gli amici e trascorrere qualche ora in leggerezza.  Un modo per ricordarci chi siamo, con il sorriso ed accettare che oggi siamo noi anche grazie a queste piccole e grandi cose del passato. 

Lasagne di zucchine

Questo è uno di quei piatti dai sapori di casa. Senza pretese, semplice e che a me ricorda parecchio le preparazioni delle nonne. Sarà per il profumo di origano che sprigiona per casa, il forno in funzione...la cucina in attività...e i bambini che ti gironzolano intorno mentre prepari. 




Ingredienti per una teglia adatta a quattro persone:

700 g di zucchine, olio extravergine di oliva, sale, pepe, una piccola cipolla di Tropea, 160 g di crescenza, 200 g di ricotta vaccina, uno spicchio d'aglio, un cucchiaino di succo di limone, 50 g di grana grattugiato, prezzemolo, origano e burro qb.

Come fare: 
Affetta le zucchine per il lungo e distribuiscile su una teglia da forno. Irrorale con un filo d'olio e qualche pizzico di sale. Metti in forno per 20 minuti. A parte, fai stufare la cipolla tritata in padella con lo spicchio d'aglio. Rimuovi l'aglio e aggiungi la ricotta e la crescenza amalgamando bene.  Regola di sale e di pepe. Unisci il cucchiaino di succo di limone e prezzemolo. Imburra la teglia e distribuisci un primo strato di zucchine. Aggiungi la crema di formaggi e poi un secondo strato di zucchine. Cospargi la superficie di grana e origano, inforna a 200° per 15 minuti. Servi tiepido...la superficie sarà dorata e croccante e il suo interno morbidissimo. 

A casa nostra questa lasagna vegetariana è piaciuta tantissimo anche alla piccola di casa...e se lo dice lei allora...bingo!

Share:

2 commenti

  1. Mi trovo spesso a fare queste riflessioni e certi sapori aiutano ad incrementare i ricordi...queste lasagne di zucchine sono molto 80's e pieni di vita!

    RispondiElimina
  2. Ciao Consuelo! Spero tu stia bene e sono contenta che queste lasagne piacciano anche a te :=)
    A presto!

    RispondiElimina

pipdig